lunedì 6 marzo 2017

Ben altro è il problema....




Sì, ma.....



L'elenco qui sotto sono le cose che ha fatto  il Governo di coalizione presieduto da Matteo Renzi in poco più di mille giorni.

Sono riforme e provvedimenti indiscutibili e numeri certificati.


Le "opposizioni", dai bugiardi e calunniatori de "Il Fatto Quotidiano" fino agli scontenti di sinistra per la poca sinistra hanno risposto che eh, sì, ma... ben altro compagni è il problema...

Una critica che si può fare gratis per ogni opera umana. 
In politica si chiama disonestà  intellettuale e nei casi migliori critica infondata. 
Nei peggiori, disonestà e basta.
  •  Jobs Act (riforma del lavoro)
  • Stop Irap e taglio dell'Ires
  • 80 euro per 11 milioni di italiani che guadagnano meno di 1.500 euro al mese
  • 80 euro in più al comparto sicurezza
  • Riduzione del canone Rai da 113 euro del 2015 a 100 euro del 2016 che diventeranno 95 nel 2017 e si paga direttamente nella bolletta della luce.
  • Abolizione della tassa sulla prima casa, Imu e Tasi
  • Abolizione di Equitalia, dal 30 giugno 2017
  • Stop tasse agricole, 1,3 miliardi in meno
  • Processo civile telematico
  • Banda ultralarga e crescita digitale
  • Unioni civili
  • Divorzio breve
  • Norme per la non autosufficienza
  • Legge sul 'Dopo di noi'
  • Riforma Terzo settore e servizio civile
  • Legge contro il caporalato
  • Bonus bebè di 960 euro l'anno per ogni nuovo nato per 3 anni
  • Aumento pensioni minime da un minimo di 100 euro a un massimo di 500
  • Riforma del cinema e audiovisivo
  • Riforma La Buona scuola
  • 18App, 500 euro per tutti i giovani che compiono 18 anni nel 2016
  • Legge contro i reati ambientali
  • Reato di depistaggio
  • Tetto stipendi Pubblica amministrazione a 240 mila euro. 
 PIL: +1,6% dal pirmo trimestre 2014 al terzo trimestre 2016.
- Rapporto deficit/pil: -0,4% dal primo trimestre 2014 al secondo trimestre 2016.
- Debito pubblico: -43 miliardi (agosto e settembre 2016).
- Consumi famiglie: +3% dal primo trimestre 2014 al secondo trimestre 2016.
- Occupati totali: +656mila da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Occupati dipendenti permanenti: +487mila da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Inattivi: -665mila da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Occupati dipendenti permanenti: +487mila da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Inattivi: -665mila da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Tasso disoccupazione: -1,1% da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Tasso disoccupazione giovanile: -5,9% da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Produzione industriale: +2,3% da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Export: +7,4% da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Bilancia commerciale: +18,3 mld da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Fiducia consumatori: +13,4% da febbraio 2014 a settembre 2016.
- Procedure di infrazione con la Commissione Ue: -47 (da 119 a 72) da febbraio 2014 a settembre 2016.



4 commenti:

  1. Sono riforme e provvedimenti indiscutibili e numeri certificati.

    azz.. attenzione che mordi!!!!! ; D
    bacione grosso carissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pie. Non mi piacciono i bugiardi....

      Elimina
  2. Caro Paolo,Il Governo Renzi ha prodotto molte riforme,qualcuna buona ma altre completamente sbagliate e altre ancora che non hanno prodotto alcun beneficio per la comunità.
    Se ultimamente ha perso tutte le elezioni amministrative,referendum compreso,qualche errore lo avrà fatto o siamo noi cittadini tutti contro di lui per partito preso.
    Io l'ho votato ma non lo voterò mai più e se,purtroppo vincerà le primarie e tornerà in sella,non voterò nemmeno per il Pd che con lui alla guida, alle prossime elezioni andrà in contro ad una epocale disfatta.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fulvio, ti pare poco quello che ha fatto il Governo Renzi? Quello prima avevano fatto bnulla o danni, il miglioramento è netto. Il PD non ha perso "tutte" le amministrative! E il referendum l'ha perso avendo contro per più e contradditori motivi, tutti, dai fascisti di Forza Nuova a Sel. Le prossime elezioni? Faremo del nostro meglio, Renzi, Martina, Orlando e tutti, ma ci potrebbe toccare Grillo. Dopo Berlusconi...

      Elimina